Un weekend fuori porta… [26/7 – 27/7 2014]

Sabato 26 Luglio verso metà mattina,il tempo qui a Roma era grigio e cupo, come lo è stato la maggior parte di questa estate. Così abbiamo deciso di prendere la macchina e andare finalmente a Bomarzo, al giardino dei mostri, posto in cui dicevamo sempre di volere andare ma poi tra esami e varie cose non ci riuscivamo mai.
Il biglietto lì costa 10 euro e, arrivati per l’ora di pranzo abbiamo notato che prima di entrare al parco, subito dopo il parcheggio c’è una mensa. Dopo essere andati al bagno ci siamo tuffati sul cibo. Buono ed economico.
Il parco è veramente bello. molto grande. Tante statue diverse. Il tempo era umido seppur nuvoloso. Non si respirava proprio ma tra una foto e l’altra passo quasi il pomeriggio.

DSC_0045

Tra le varie sculture ciò che ci colpì è una specie di casetta pendente.. un po come la torre di Pisa e, entrandoci dentro puoi avvertire la differenza di gravità come se non ti reggessi in piedi.

DSC_0051

Finito il nostro tour, con tanto di mappa in mano, ci siamo distesi a terra con dei teli per concederci qualche minuto di relax.. anche se, con quel caldo!!!

Di nuovo in macchina: direzione Viterbo. Poco distante da li.
Parcheggiammo fuori le mura e girammo il centro storico a piedi. Ma tutto dopo un bel caffè e pausa bagno. Qualche visita ai negozietti dove ho comprato due tazzine dei nostri colori e un sotto tazza da caffè. A Viterbo alta si stava celebrando un matrimonio. C’era la sposa e in un angolo si stavano preparando per un opera lirica per la sera.
DSC_0199

Lasciata Viterbo, per la strada verso il ritorno volevamo visitare Tarquinia. Sopratutto per le Necropoli. Quindi, navigatore e.. Tarquinia.!
Arrivati li.. sorpresa!!! Festa di paese: musica, giostre, bancarelle.
Un po di difficoltà, ovviamente, nel trovare posto ma alla fine ce l’abbiamo fatta.
Abbiamo cenato in una pizzeria sul lungo mare che faceva la pizza self service. Ottima pizzeria. davvero. Ancora a distanza di settimane la ricordo. E poi ci siamo perso tutta la sera tra le varie bancarelle e i vari prodotti fino a provare una bancarella di birre artigianali: buone!!
Arrivata la notte, ormai credo l’1 o le 2, lasciammo la macchina in una sorta di piazzuola che dava sulla spiaggia…Qualche passeggiata sotto le stelle e poi abbiamo abbassato i sedili dell’auto, tolto le scarpe e..buonanotte! Devo dire che dormire in macchina non è così male, o comunque pensavo peggio. La mattina ci sveglio l’alba e le sue luci.uscimmo e andammo subito a mare per un piccolo bagno. L’acqua non era buona, ovviamente fredda ma piena d’alghe e mare agitato. Cosi,preso il primo sole ci rimettemmo in macchina per andare a Tarquinia alta, alle Necropoli Etrusche di Monterozzi.Io un pochino sono rimasto deluso, credevo in qualcosa di più. Invece è una grande campo dove ci sono queste necropoli, ognuna che ricorda qualcosa di quel tempo, scendi giù giù e te le vedi dietro un vetro. Vabeh insomma, cmq valeva la pena.

DSC_0421

Tante foto ed una calamita, passo la domenica mattina.
Volevamo allungare alle cascate delle marmore ma i nostri stomaci iniziavano a farsi sentire. Per la strada, secondo tom tom, ci stava Orte… quale altra bella scusa per un pranzo in qualche trattoria di cucina tipica? Cosi capitammo alla Trattoria da Siviglia …E che buona! Cucina casareccia, personali accogliente… Forse servizio lento.. ma vabeh, meglio cosi, vista la pioggia.
Ma in realtà non sapevamo ancora quanta acqua avremo preso…
Arrivati alle Cascate delle Marmore, lasciata la macchina, entrammo nel box office a chiedere info e una ragazza gentile ci spiego tutto dandoci anche dei depliant sull’Umbria e i dintorni di terni.
3 percorsi. 2, più o meno in pianura e 1 arrivava in salita fino proprio all’altezza massima da dove potere osservare le cascate.Noi, ovviamente abbiamo scelto quel percorso con un sacco di scale e salite. Ma tra una pausa, una foto e una cazzata arrivammo, prima al cosi detto “Balcone degli innamorati”,ovvero dopo aver superato una fredda galleria esci fuori in questo terrazzo e sei completamente sotto l’acqua gelida della cascata e noi, ahimè,non eravamo attrezzati. Nonostante la consapevolezza che l’indomani ci saremmo potuti alzare con un febbrone, al ritorno: altro giro altra corsa!!!! [E questa volta, approfittando della solitudine di quel punto, ci ho lasciato come ricordo la mia pipì 😀 ]
Riprendiamo a camminare, camminare e salire sempre più in alto, finchè non arrivammo davanti questo spettacolo di panorama.
DSC_0555

Insomma, sicuramente ci torneremo, sia per un giro in Umbria, che è spettacolare, e sia per fare gli altri 2 percorsi. Nel frattempo purtroppo s’era fatto tardi e il parco chiudeva.
Tornati in macchina eravamo ancora zuppi d’acqua ma per fortuna ancora con il costume della mattina a Tarquinia. Cosi abbiamo messo le maglie che coprivano i vetri dell’auto e ci siamo cambiati. facendole poi riscaldare con i riscaldamenti della macchina.
Dalla fame che avevamo non arrivavamo certo a Roma. Cosi perla strada ci stava Terni e poco dopo l’uscita della superstrada, beccammo un cinese, La Grande Muraglia. Non sembrava, ma in realtà è davvero ottimo e la cinesA alla fine, ci regalò una sigaretta cinese che fumammo dopo quella gran mangiata. Mi chiedevo.. come fanno i fumatori ad avere quella puzza sulle dita di sigaretta? Bleah!!!
Comunque, poi, era ora di tornare a casa.. Stanchi e felici ci addormentammo subito come fosse un click.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...