Vilnius …Tra neve e Lituania!

E’ ovvio! La neve ha il suo fascino! Un weekend invernale tra i marciapedi con appena un sottile strato di ghiaccio, il freddo secco che combatti con tute termiche, sciarpone, guanti e passamontagna di lana.. Questo è stato il nostro weekend in Lituania. Nella capitale, Vilnius. Piccolina, raccolta, ben curata e pulita. Forse poco movimentata e un pò troppo “tranquilla” ma, vabeh…

viln

1€ = 4,347Lita
Temperatura: 0° e anche sotto!
Fuso orario: +1

Siamo partiti da Roma intorno le 6:30 da Fco, con un volo Lufthansa che ha fatto scalo di un oretta, più o meno, a Francoforte. Siamo arrivati a Vilnius intorno le 14. Puntuale.
Abbiamo fatto subito un biglietto per gli autobus che con 25Lt ti permetteva di stare sui bus per 3 giorni.
Dall’aereoporto abbiamo preso il 3g. Già usciti abbiamo iniziata ad avvertire il freddo pesante e infatti abbiamo iniziato a prendere dalla valigia la sciarpa. Il bus in circa 15minuti ci porta ad una traversa dal nostro hotel che stava in centro.
Hotel Neringa, un 4* con colazione e wifi.
Siamo usciti e proprio sotto al nostro hotel c’era una catena di supermercati. Ci siamo fiondati sul reparto rosticceria per un panino una birra e qualche pezzetto di pizza. La pizza pessima. Biscottata.
La città è davvero piccola. Quanto meno il centro e le cose da vedere. Il buio è arrivato subito ma comunque abbiamo fatto un giro a piedi perlustrativo. Per prima, siamo passati davanti la statua di tre muse (ispiratrici).
DSC_0015Ogni tanto entravamo nei negozi e nei centri commerciali per cercare un po di calore e per vedere i prezzi delle cose per fare la differenza con l’Italia. Siamo entrati in una chiesa fatta su due piani. Al piano di sotto si celebrava una messa ma di sopra si trovava la statua di una madonna a cui sicuramente erano molto devoti per l’atmosfera che si respirava in quella cappelletta. Ammetto che era particolarmente suggestiva, al di la do ogni tipo di credenza.  Siamo passati poi davanti a quella che era la torre principale della città che si trovava nella piazza principale dove stava la cattedrale. Ma poi il giorno dopo ci siamo tornati con un po più di luce.
Camminando abbiamo trovato un McDonald’s e ci siamo fermati per uno spuntino al volo e perchè io dove andare in bagno!!!! 😀 Questo spuntino, c’è costato una patatina fritta, un brownie e un latte macchiato.
Ci siamo accorti, probabilmente senza saperlo, che ci trovavamo in zona stazione centrale e da li partivano molti bus.
Era ben recensito un locale. Un tale “bistrò 18”. Volevamo andare lì, anzi, ci siamo andati, almeno fino al locale che stava un po fuori dal centro. Ma arrivati li era tutto pieno e non ci siamo voluti fare l’ora di attesa al freddo e al gelo. Così abbiamo cambiato posto e girando girando abbiamo trovato un posto strano posto su una grande scalinata con all’esterno una sorta di gazebo ricoperto di luci. Senza pensarci due volte ci siamo andati.
DSC_0010La zuppa di Gazpacho era nel menù. Non ce lo siamo fatto dire due volte. Con un pesce particolare “devilfish” si chiamava… una sorta di pesce fatto alla diavola e un salmone in salse di verdure. Il tutto con un ottimo Chardonnay australiano. Per finire un sufflè al cioccolato.

In giro non c’era un cazzo. Di che vivono sti lituani? Dopo una certa c’era il coprifuoco. Capisco il freddo, ma non dovrebbero essere abituati? Nei locali da cena alle 23 ti mandavano via. In quelli tipo pub e simili… a mezzanotte… vabeh!! Diciamo che comunque la mattina c’eravamo svegliati alle 3:30 per andare a Fco in auto e lasciarla al parcheggio e quindi eravamo con nemmeno 4h di sonno. Cosi siamo tornati in hotel con il proposito di svegliarci presto e dopo colazione uscire in giro.

Ovvio, non è stato così. Perchè ce la siamo presa proprio con calma. La colazione era ottima. Un buon buffet soprattutto di roba salata.. Invece uno scarso di roba dolce.. Ma che ci importa? Tanto all’estero l’alimentazione è completamente sballata.. quindi il salato anche a colazione.. con cornetti che riempi di formaggi.. mozzarelle, salmone e pancakes… Insomma… che il buffet dei dolci non era molto fornito, non era certo un grande problema.
Anzi, alla fine mi era poprio presa voglia di fette di pane e nutella e… una sola però, giuro!

Saremmo usciti  intorno le 11. Ma nonostante il pochissimo tempo che siamo stati in città, abbiamo davvero visto tutto… dall’ombellico d’oro, alla torre di guardia della piazza centrale.

DSC_0002 20141122_165736
Appena siamo usciti ho fatto la cattiva figura di questo viaggio…e ci sta.
C’era un negozio di scarpe di fronte il nostro hotel. Io avevo adocchiato un Bugatti e un Lacoste. e ci stava sul cartellino della scarpa in entrambe 50 (mentre in altre ci stava 100…motivo per cui non ho pensato fosse solo il 50% …non ci stava manco il %). Insomma, sicuro del fatto che le scarpe erano in promozione a 50Lt (15Eu) le provo, faccio prendere i numeri che mi interessano e le porto in cassa. Meno male che prima di digitare il pin ho visto l’importo che in Lt era oltre 600… ops.. c’è qualcosa che non va… quel 50 era l’importo tolto al prezzo di listino. Quindi non venivano 50Lt ma meno 50Lt… Insomma.. più di 300 euro di scarpe con la difficoltà di portarle dietro sull’aereo, magari non era proprio il caso.. Me ne sono uscito con un “sorry” …che ha risolto ogni problema!.
Un giretto da Tiger, che era attaccato al negozio di scarpe ci stava… ma c’erano insomma le stesse cose.

Abbiamo preso il numero 2 per fare un giro della città. Ci ha portati davanti una chiesa russa. Non mi dilungo a scrivere com’era. Forse non la ricordo nemmeno. Ma la solita chiesetta carina e bla bla bla.
20141122_141337 Ma la cosa più figa di questo posto era una sorta di baretto dove siamo entrati attirati dall’odore. No, forse i dolci non erano un gran che, almeno quelli che abbiamo provati. Ma l’idea di un posto caldo dove sorseggiare una tazza di the caldo non ci dispiaceva affatto.
Mentre aspettavamo il bus che ci portava ai piedi del castello abbiamo notato il bellissimo paesaggio innevato della città divisa dal suo fiume.
20141122_122859 20141122_125755 20141122_12583420141122_14491420141122_143236
Arrivato il bus, sempre il 2 siamo scesi dopo qualche fermata al castello e già scendendo dal bus, si vedeva questo stupendo panorama…

20141122_145727Per salire c’era una funivia che con qualche spicciolo salivi e scendevi. Avrei volentieri preferito farmela a piedi ma la paura di scivolare nel ghiaccio era davvero forte. Così abbiamo preferito evitare.
20141122_151150 20141122_151216
Dentro il castello, per prima cosa ho comprato una calamita. Insomma, con 12Lt abbiamo fattola funivia e l’entrata al castello. Abbiamo visitato la torre, ma ciò che ne valeva davvero la pena era la visuale in alto.

20141122_155606Ci siamo poi diretti alla cattedrale per la paura che chiudesse, ma questa volta a piedi.
La cattedrale di Vilnius non è niente di che.. sicuramente rispetto le varie chiese del mondo. Si trova sulla grande piazza, dove oltre la torre di guardia ci stà anche la statua dei cavalli.

Beh, potevamo proprio concederci una pausa. Ci siamo seduti in una famosa cioccolateria dove ci stavano delle costruzioni fatte di cioccolato. Abbiamo preso una fonduta con della frutta, una torta al pistacchio e un muffin al cioccolato. Che delizia.
20141122_170832 20141122_172546 20141122_171716

Dopo abbiamo fatto un giro in un parco dove stavano gli scacchi a dimensione uomo tipici di ogni grande parco delle città e siamo arrivati fino ad una chiesa rossa
20141122_182746
Abbiamo preso il fantomatico bus 88 che, sapevamo da internet facesse il giro della città, ma che in realtà non avevamo mai visto. Così appena l’abbiamo adescato non ce lo siamo fatti scappare.In realtà ci ha portati fino in aeroporto per poi tornare al centro città.
Nel tornare ci siamo fermati a un market per fare un piccolo spuntino di birra e patatine che abbiamo gustato in hotel.
Abbiamo cercato un locale su internet dove passare la serata. Non mi sarebbe dispiaciuto fare qualcosa di più, ma…
Insomma abbiamo trovato il locale Lauro Lapas su internet che ci ispirato dalle buone recensioni, infatti così è stato. Un prezzo fisso per una cena completa. Forse un po “povera” ma insomma non è che avevamo tutta sta fame. Prima del dolce li usano l’ammazza sapori.. Infatti ci hanno dato una specie di granita al chinotto.
Siamo poi tornati al locale di ieri perchè volevamo provare i maxi cocktail ma a mezzanotte ci hanno portato il conto dicendo di andare via.
Io ero super coperto quella sera. Si intravedevano, forse, solo gli occhi. Loro invece erano vestiti normali al limite con una scarpetta.. infatti nel vedervi, ridevano tutti… Sono stato il pagliaccio del weekend 😛
La domenica mattina dopo la colazione abbiamo raccattato tutto, fatto i bagagli per andare in aeroporto.
Il nostro weekend innevato volgeva praticamente al termine. Anche se in realtà ci aspettava un’intera giornata di viaggio e aeroporti in quanto il primo volo era alle 13 e il secondo alle 22:30 da Francoforte.
Abbiamo passato il pomeriggio nella lounge  Lufthansa di Francoforte. Per giunta, non abbiamo nemmeno pagato in quanto, provate tutte le varie carte di credito non funzionava il poss così la tipa che stava alla cassa ci ha offerti l’ingresso. Abbiamo mangiato e bevuto a gratis.

Cosa penso sulla Lounge? Penso che, per gli scali molto lunghi come questo è davvero comode. Poltrone, buffet di cibo e bevande varie, prese  elettriche, wi fi e confort vari..  Anche perchè l’ingresso è sempre circa 25€. Ma se lo scalo è breve oppure se vai in aeroporto giusto x prendere l’aereo allora credo non serva molto, a meno che non l’ha hai in qualche offerta allora potresti solo entrarci anche solo x un bicchiere o caricare lo smartphone.

Cosa ricordo di questo viaggio di bizzarro? Una tipa che, al battesimo di un parente  stava vestita in minigonna, leggins e tacchi almeno 20/25 …lasciamo stare il look, ma del gelo e della neve che mi dite? e del ghiaccio scivoloso formatosi sui marciapiedi?

Vilnius.. senz’altro tra le varie città viste e capitali non è certamente il massimo.
Ma ho senz’altro visto peggio. La neve ci ha messo il suo carico facendo acquisire punteggi alla città.
Molto pulita, curata e, piccolina… Ma probabilmente è proprio questo il punto di forza.

di fonziefo87