Hannover [29/5 – 3/6]

haj  Siamo partiti con un bel po di ritardo per il terminal 3 di Fiumicino andato a fuoco. Siamo comunque poi arrivati alle 21:30 ad Hannover e il nostro hotel, Ibis, era molto centrale e vicino la stazione. Cosi dall’aeroporto abbiamo preso il trenino fino la stazione HBF.
Abbiamo fatto una cena alla Liddl li vicino per poi fare un giro notturno introduttivo. Siamo arrivati alla rathaus con il suo laghetto abbastanza profondo ed un palazzo che sembra sia tutto storto dove ci sono uffici importanti.

DSC_0013 DSC_0568

Il secondo giorno l’abbiamo dedicato allo shopping, tra “La Galleria”, “New Yorkers” e “Saturn”

Il terzo, finalmente siamo andati allo Zoo… Uno dei più belli d’europa, se non il più bello. Particolare. Perchè sembra che gli animali non hanno recinti. In realtà li hanno ma fatti di grandi fossi o acque. C’era una specie di giostra con la barca che ci ha fatto fare il giro per lo zoo e vari spettacoli con animali tipo pappagali, aquile, delfini, foche. Abbiamo pranzato in uno dei ristornati dello zoo e praticamente se n’è andata tutta la giornata per quanto questo è immenso. Siamo entrati nel recinto delle capre che potevamo toccare e abbiamo fatto chiusura: le 18. Il tutto con 25€

DSC_0036 DSC_0303 DSC_0326 DSC_0385

Poi nel tardo pomeriggio, quando siamo usciti il bus 11  che ci ha portati in HBF per una cena NordSee e poi il tram 4 , passando per l’università, ci ha portati all’HarrenHaus con i suoi immensi giardini. Quel giorno alle 23 aprivano le fontane illuminate con bellissimi giochi d’acqua, colori e luci.

DSC_0434 DSC_0536 DSC_0438 DSC_0462
Svegliati con calma, il giorno dopo di mattina siamo stati da Primark e abbiamo voluto pranzare in un buonissimo ristorante Sushi all you can eat “Ichiban” che si trova proprio davanti  il palazzo strano con gli uffici importanti della città. Subito dopo siamo andati alla Rathaus e siamo stati sul prato un po di tempo a rilassarci, proprio sdraiati. Siamo poi andati al lago e tra i vari negozi di souvenirs. Abbiamo poi visto una chiesa molto antica e strana poichè vi erano solo le mura di cinta ma dentro era fuori con solo disegni, per esempio della Croce o l’altare Per cena abbiamo mangiato della soba.

DSC_0591 DSC_0559 DSC_0668

Con 27€ potevi acquistare un biglietto del treno con cui viaggiare in tutta la Bassa Sassonia: è ciò che abbiamo fatto l’indomani.
Siamo partiti da Hannover facendo prima tappa a Brema. Ci ha colpito tantissimo. Piccolina ma davvero bella e ben curata. Molto storia. C’era pure un mercato con vari stand alimentari. Abbiamo mangiato una zuppa davvero squisita. Insomma proprio una sorpresa con tutto il suo verdi e ponti su fiumi

DSC_0679 DSC_0691 DSC_0697

Ripartiti da li siamo arrivati a Verden. No vabeh niente di che. Ci stava in centro una festa di paese con varie giostre tipo montagne russe ma siamo subito andati via per riprendere il treno.

La nostra terza tappa è stata Niemberg. Un bel paesino con tanto verde, fiumi e ponti. C’era la piazza del mercato e la Rathaus..

Siamo poi tornati ad Hannover perchè era già sera e l’indomani ci aspettava il volo del ritorno per Roma.

di fonziefo87

Edimburgo, le Highlander, Glasgow e la Scozia

Amo amo amo ….la Scozia! L’ho sempre saputo. Ho aspettato questo viaggio solo per conferma!!

vggMoneta: €
Fuso Orario: .1h

Siamo con un volo Rynair e alle 14:30 eravamo a Edimburgo con un’ora di fuso orario in meno rispetto l’Italia. con il bus siamo arrivati direttamente in centro con 4,20€.
Un pranzo veloce alla stazione di Heymarkt, la zona dove abbiamo alloggiato e poi subito in hotel per il check in. Ci siamo sciacquati e riposati al volo per uscire e raggiungere il centro per un giro iniziale di perlustrazione.
Da subito questa città ci è sembrata molto bella. piccolina, quasi sembra un paesino ma molto pulita, ordinata, servitissima dai mezzi puntuali e in stile antico, cosi come vuole il suo castello.
Il centro è pieno di catene, vari bar come Starbacks, Caffenero, Costa e simili. Abbiamo cenato in un localino che faceva vari tipi di kebab. Io ho preso un kebab con i falafel molto buono. Abbiamo poi portato in hotel 2 vaschette di sushi prese ad un market. C’era un sacco di vento!! E poi in serata iniziava una leggera pioggerellina molto molto fine.

Il giorno dopo ci siamo svegliati e siamo andati dal caro Starbacks per fare colazione e abbiamo impiegato la mattina per una visita al castello. 16£ l’ingresso. Non è solo un castello ma un vero e proprio villaggio con dentro, oltre il castello, vari musei. Armi, oro, chiese. I musei della corona e gli scettri. Alle ore 13 sparava il cannone e allora tutte le persone si avvicinavano per assistere a questo sparo con le varie macchine fotografiche, smartphone e tablet per fare foto e video.

DSC_0002 DSC_0072 DSC_0079

DSC_0162DSC_0189DSC_0185

Dopo un tramezzino al volo per pranzo e dell’acqua presi ad uno dei ristorantini self-sevice del castello, siamo andati alla Camera Oscura. Si tratta di un museo, a sei piani, dell’illusionismo. Vari giochi di luci, effetti particolari allo specchio. E ovviamente, vari quadri tra i più famosi di Escher Il tunnel vortice dove percepivi che giravi tu velocemente. Insomma un pm di svago e divertimenti. All’ingresso ci hanno dato un pass per uno spettacolo al sesto piano. Ma la cosa figa è stata la visuale che ci stava dal sesto piano.. Non di certo quello spettacolo

 

Usciti di li abbiamo preso una focaccia da mangiare al Prince Street, ritenuto il polmone verde di Edimburgo. E’ un parco molto grande e curato che si trova ai piedi del castello, proprio al centro città, dopo lo Scott Monument

DSC_0048 DSC_0107 DSC_0098 DSC_0210
Tornammo stanchi in hotel per riposarci e sopratutto per comprare online i biglietti per la gita a Lockness e le montagne scozzesi e subito dopo una doccia siamo usciti per una visita notturna della città.

Siamo rimasti al quanto delusi dal “movimento” di Edimburgo. Non c’era praticamente nessuno tra le strade e neanche nei pub più “cool” delle guide.
Alla fine abbiamo optato per cenare in un all you can eat cinese per 11£.

Il giorno dopo, il terzo abbiamo fatto colazione con un Cup Cake in ricordo del telefilm “2BrokeGirls”. Non avevo mai provato un cupcake prima di allora e, onestamente, non mi manca. Non mi è piaciuto granchè, sopratutto la parte esterna.
Siamo così arrivati a piedi fino al centro tra un negozio di souvenirs e l’altro per poi prendere il bus turistico che con 14£ ci ha fatto fare un giro della città con guida in italiano partendo dal castello. C’erano diverse linee ma abbiamo scelto la rossa perchè passava dal centro e da posti che non avevamo visto. Ho mangiato una piadina con tonno e mayonese stile wrap in un locale del cento che faceva delle (pessime!) fish&chips.
Nel tornare siamo entrati alla Nation Gallery che era gratis e poi da Primark per poi fare spesa da Fresko per la colazione e il pranzo dell’indomani che ci aspettava la gita a Lockness.
Abbiamo passato la serata a GrossMarkt, una zona antica dove un tempo ci stava il mercato della città ma adesso adibita a zona notturna con vari pub. Abbiamo mangiato fish&chips, una birra e provato il Wiskey che è una loro specialità

DSC_0301 DSC_0345 DSC_0367

Il quarto giorno.. il più bello di tutto il viaggio!
Abbiamo fatto una colazione veloce con un wrap e un caffè, per poi prendere alle 7 il bus 21 che ci portava a piazza Waterloo. Li ci aspettava il bus della compagnia con cui abbiamo prenotato la gita a Lockness e Highlanders.Al pullman forse siamo arrivati qualche minuto in ritardo per la difficoltà a vederlo. Ci ha accolto la guida con il suo kilt che ci ha subito dato la mappa e siamo partiti. L’unico difetto è che per tutto il viaggio, tutto il giorno ha sempre parlato e non la smetteva più, per giunta anche in inglese. Infatti dopo un po mi sono messo le cuffie mentre osservavo il bellissimo panorama dal vetro. Ogni tanto il tipo si fermava nei vari posti per farci scendere a fare foto. Tra i laghi, montagne, cascate e castelli siamo arrivati a LockNess… ed era molto meglio se quel tempo lo impiegavamo a girare in bus. Non vale per niente la pena. Siamo stati circa un due orette ma non c’è nulla. Qualche negozio e ristorante e poi questo lago immenso che sembra un mare e la scritta “lockness” con la foto di Nessie. Tutto qui. Quindi si, deludente e sinceramente non vedevo l’ora di ripartire per continuare il giro. Abbiamo pranzato con i panini che c’eravamo portati da Edimburgo. Il viaggio è durato 12 h piene. Forse un po stancante ma ne è valsa la pena. Stanchezza che non abbiamo sentito così presi ad ammirare quelle meraviglie. La compagnia si chiamava “Heart Of Scotland” e a parte  il tipo che ha parlato ininterrottamente ci siamo trovati benissimo!
Per cena siamo stati in un all you can eat vicino Piazza Waterloo dove ci ha lasciati il bus. Praticamente avevi anche la zuppa illimitata con tutti vari ingredienti dentro, oltre il sushi. Particolare!
Siamo tornati in hotel per fare gli zaini, l’indomani siamo partiti per Glasgow

DSC_0404 DSC_0447 DSC_0477 DSC_0663 DSC_0679 DSC_0818 DSC_0729 DSC_0745 DSC_0747

Il bus per Glasgow l’abbiamo pagato più o meno 2/3 £ e puntualissimo come al solito in un ora e mezzo di ha lasciati a Glasgow.
La città è deludente. Siamo stati 2 notti ma onestamente non è nulla di che.
Molto carina la piazza principale, George Square e la Cattedrale col suo cimitero. Entrambi staccati dal centro città.
Si, sicuramente è molto più movimentata di Edimburgo infatti nei pub c’erano anziani che ballavano. Ma a me è sembra un mix di cose che non c’entravano tra di loro. Come se non avesse stile.
Il giorno dopo siamo stati alla Tennet’s experience ma assolutamente deludente. Guida in inglese che non capivi nulla ma ci ha fatto fare un mini giro tra le fabbriche e basta. E poi un assaggino delle Tennet’s fatte da loro. Mentre in quel giorno, la mattina abbiamo visitato il museo delle scienze che, vabeh, carino, ma in confronto a quello di Berlino non è proprio nulla.

DSC_0003 DSC_0908 DSC_0911 DSC_0925 DSC_0988 DSC_0966

Che dire? Va bene un “spero di tornare presto in Scozia” ? Ecco 😉

di fonziefo87