Kyoto [24 – 27 Agosto 2015]

kyo
Siamo arrivati a Kyoto da Osaka, con un trenino che ci portava direttamente alla stazione centrale di Kyoto.  Il nostro Hotel Hearton 4* con Wi-Fi e colazione era molto bello e ben curato nei particolari. Siamo arrivati la sera tardi e sotto la pioggia, ma nonostante ciò siamo comunque voluti uscire per una cena giapponese di cui avevamo troppa voglia.
Una nostra amica, che ha vissuto a Kyoto, ci ha consigliato un locale in stile dove facevano buoni  okonomiyaki. Dopo un po di fatica a trovare quel locale sotto la pioggia e con tutti quegli ideogrammi giapponesi, ci siamo riusciti. Ne è senz’altro valsa la pena. Il cibo buonissimo. Abbiamo provato gli okonomyaky insieme a calamari grigliati e una specie di patate. Era tutto davvero strepitoso. Cotto alla piastra che stava al centro del nostro tavolo.
Siamo usciti di li che era molto tardi e la pioggia non accennava a smettere.
20150825_211716DSC_0636
20150825_212952

L’indomani mattina abbiamo fatto colazione all’hotel. Era intercontinentale ma c’erano un sacco di cose giapponesi, addirittura le loro insalatine strane, del riso e del sashimi. Insomma. Ci siamo fatti lunghe colazioni.
La nostra prima tappa è stato il palazzo imperiale con i suoi giardini. Grandissimo e maestoso. Abbiamo perso tutta la mattina intanto perché comunque sono molto grandi e sia perché dopo la pioggia della notte prima le temperature si erano alzate e il caldo ci rallentava un po’.
Per entrare dento il palazzo dovevi prenotare gratuitamente la guida che, solo in inglese, ti portava dentro per farti ammirare la bellezza dei vari templi, sale dedicate ai samurai o alle geishe. Non era possibile entrare dentro le varie sale, ma erano comunque aperte e piccole e si poteva vedere tutto anche da fuori. Abbiamo scoperto che la geisha porta abiti di 40kg con 240 colori diversi.
Nell’attesa che si radunasse tutto il nostro gruppo abbiamo preso del the e dei nuddle al bar dei giardini e comprato qualche souvenir per amici e parenti. DSC_0728 DSC_0651 DSC_0656 DSC_0683
Dopo la visita abbiamo continuato a girare per il giardino, il quale non era finito, dall’altre parte per raggiungere l’uscita.
Abbiamo ripreso la metro, direzione templio di Kiyomizu – dera.
Premetto che anche a Kyoto, come già detto per Osaka, il tempo non è bastato. Troppi templi da vedere per solo 2 notti. Ed ogni templio è immenso, non sono tipo chiesette che ti vai a vedere. Ma invece ogni templio all’interno a varie cose da vedere, come rituali di purificazione, i kami ai vari ingressi ecc..
Abbiamo scelto di visitare quel templio, sacrificando gli altri solo per comodità, dal momento che con una metro e un bus lo raggiungevi, o meglio, raggiungevi i piedi della strada in salita che portavano al templio.
In Giappone sono tutti molto gentili e cordiali e infatti ne abbiamo approfittato per farci spiegare bene come raggiungere il posto. In Giappone sia bus che metro si pagano in base alla tratta che fai. La salita era piena di negozietti tipici che purtroppo, quando tornammo erano già praticamente tutti chiusi.
Arrivati al templio, costava 500Y entrare.
DSC_0806 DSC_0819
Usciti dal templio la nostra intenzione era raggiungere il quartiere di Gion (storico delle Gheishe!), ma nella strada che abbiamo fatto a piedi per perlustrare al meglio la città, abbiamo visto altri templi e parchi e ci siamo intrufolati per praticamente perderci dento visto l’orario tra gli innumerevoli scatti. DSC_0831 DSC_0854 DSC_0859 DSC_0864
Abbiamo spizzicato qualcosa ad un market e abbiamo provato delle palle di pesce e formaggio. Vabeh, buonissime.
Camminando per Gion abbiamo beccato un ristorante fantastico sempre ovviamente stile giappo. Si entrava senza scarpe dentro un ascensore che ti portava ai vari piani e qui trovavi il ristorante e il tuo tavolo tutti in prive. Non potevi lasciare roba sul tavolo, come cellulare o macchina fotografica perché c’era una specie di seggiolino apposito. E le due pezzette bagnate con cui lavarti le mani  prima di mangiare. Abbiamo ordinato del sushi. Ottimo. Indimenticabile Non regge nessun confronto. Si scioglieva in bocca.

20150826_205545 20150826_205627 20150826_205727 20150826_205806 20150826_205811 20150826_205815 20150826_205833 20150826_205840 20150826_210845 20150826_210928 20150826_212737
Abbiamo passeggiato per le varie stradine di Gion fino a finire sulla riva di un fiume ed accorgersi di una cioccolateria con dolcetti strani. Abbiamo preso qualcosa per mangiarla all’aperto in un chioschetto vicino al fiume.

Che dire? Kyoto è stupenda. Ma di più, Kyoto è Giappone. Quello vero. Quello storico. Quello cui tutti immaginiamo.
Io non voglio assolutamente togliere nulla alla bellissima Tokyo. Ma non è il vero Giappone. Troppo cemento, troppa civiltà e industrializzazione. Mentre Kyoto no. Kyoto è bellissima. Respiri la vera aria giapponese.

Come Osaka… Ritorneremo!

Annunci
di fonziefo87

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...